Lo scrittore e il turbamento, ovvero del buon consiglio

Piccolo racconta che qualche settimana fa Niccolò Ammaniti gli ha telefonato molto turbato, dicendo: “Sai che su internet ci sono tantissime persone che mi prendono in giro, mi attaccano, dicono che il mio libro fa schifo?”. Piccolo ha risposto così al collega e amico di vecchia data: “La prima regola caro Niccolò è non leggere mai commenti online”.

[Intervista di Serena Danna a Francesco Piccolo, “Cara sinistra fonda tu il partito dell’amore”, Il Domenicale del Sole 24 ore, 10/01/2010]


**

Stupisce che in una intervista impegnata aggalli un residuo fecale simile.

Scrittore, turbato per gli attacchi su Internet al suo libro, cerca consolazione e ragione di tanto oscuro livore nei suoi confronti.

La casta, pagata per scrivere – il cui primo pensiero è il piacere di scrivere, il secondo, piacere – vive al di sopra delle proprie potenzialità.

E’ inimmaginabile che i sommovimenti aurorali della scrittura possano accompagnarsi a cotanto turbamento.

Del resto, la risposta dell’amico Piccolo conferma – se ve ne fosse di bisogno – quanto l’essere umano sia suscettibile, impredicabile e impraticabile.

Praticabilità passando per il “suo studio sull’Ostiense a Roma, un accogliente seminterrato che si apre su una scalinata red carpet e locandine di film d’epoca alle pareti”.

E come il giro sia sempre uguale: su se stesso.

[A. R.]

Annunci

One thought on “Lo scrittore e il turbamento, ovvero del buon consiglio

  1. I commenti online stanno a cio’ che Piccolo/Ammanniti vorrebbero leggere su internet come la loro letteratura sta a quella che vorremmo leggere noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...