Mitraglia senza predicozzo – Angelo Rendo

Bandiranno dal consorzio umano tutti quelli che scrivono senza sale, chi preferisce la facezia al colesterolo, la punta al tacco, l’umanità infranta al vetro aguzzo della fine.
I vegani, i vegetariani e tutti coloro che lottano per la conservazione della specie. Quindi tutti, tutti gli uomini di buona volontà. Che scambiano la realizzazione spirituale col fico secco dell’ideologia.
Terranno i cattivi, i dimentichi del bene, ovvero i paladini della sciatteria che può farsi mitraglia senza predicozzo.

Sassate! – Angelo Rendo

Un mostro con testa e coda innestate nel collo divora leggi ed esige turpiloquio.

Appare manifesta l’irresolutezza della ragione. Che è sempre di chi avanza armato di dialettica e raccoglie, anche quando fomenta la reazione, sassolini del disonore.

Sassate!

Il saluto – Angelo Rendo

Camminavamo sulla stessa strada, separati dalla strada. Improvviso, un boato sordo ci fece fare piccoli piccoli. Proveniva dal sottosuolo. Sarebbe stato naturale ci si fosse scambiati un saluto. Ma quello non resisteva all’amor proprio, la più cannibalica veste in dotazione all’uomo.
E come fulmine nel sereno dell’ora meridiana di primavera, così saettò la mia mano in un luogo fattosi pietra.

Riga diciannove pagina duecentosette – Angelo Rendo

Leggevo, quando, a un tratto, un essere indivisibile, delle cui fattezze non riesco a essere sicuro, è venuto fuori alla riga diciannove di pagina duecentosette (poco più in basso della metà della pagina), chiudendomi il libro inopinatamente e sbattendomi fuori da casa.
Dentro intanto mi strattonava, inducendomi a forza per la collottola a guardare da un’altra parte; mi pareva di essere libero, solo le gambe un po’ rigide; prese a farmi ballare. Quindi uscimmo dalla serratura alla stessa maniera di come eravamo rientrati.