GALLISMO – Angelo Rendo

Il periodo si stinge insubordinandosi, procede lungo studiatissime tappe d’arresto, col solo terminus ante quem a fare il gallo.

PROPAGANDA ‘STA ‘NDUJA! – Angelo Rendo

La retorica di Gipi a Propaganda Live è di bassissima lega, volgare, e muffita, soprattutto. Tutta la tv è di stato. La radiotelecomunicazione è di stato. Restituisce la condizione del paese, cullandolo del suo sé diviso e ghignante.
Sghignazza, ride, la parte buona del paese; intanto, quella cattiva si mangia la ‘nduja.

LA DIVINITÀ DELL’EFFIMERO – Angelo Rendo

Che qualcuno scriva di un altro che scrive o ha scritto è condanna. Dire bene, o male, di qualcuno che ha vissuto, tramandarne la memoria mediando è questo il male. Che ogni ingegno passi senza che alcuno lo fermi. Discretamente io o l’altro renderemo grazie a chi ci ha preceduto, ma non in pubblico: stretto riserbo nel cuore. Che non si sappia del nostro rapporto è quanto vuole la divinità dell’effimero.

QUANDO ZIO SANTO MORÌ – Angelo Rendo

Con voce assai flebile mi disse di dargli il tovagliolo di carta appoggiato sul comodino. Glielo porsi.

Di fronte, la collina di San Matteo, che tutta si mostrava agli infermi.

Quel tovagliolo, conservato ora da qualche parte, servì quattro segni morenti, veloci.

Era la tarda estate del 2005, lo zio stava morendo, ed io lo assistevo.

L’ospedale Busacca ha una posizione invidiabile, accoglie luce da ogni parte, e fedelmente resta alla collinetta che guarda il colle San Matteo, e il centro tutto idealmente abbraccia.
Per chi muore la vista è lancinante e impagabile.

Leggevo, lui ritto mirava, fino a che non si fece prendere da un sussulto, e mi invitò a guardar bene il colle. Vedi la zattera? E vedi la libertà che guida il popolo? Balbettò Delà, Gericò, di lì a poco fu libero. Lasciò la zattera sul pezzo di carta. Entrò nella chiesa sconsacrata.

SUL VUOTO E SUL PIENO – Angelo Rendo

Il vuoto anticipa il pieno,
del pieno è vuota la vita;

il vuoto

del pieno non sa.

***

La poesia nasce nel gas, sul vuoto che empie, e il pieno che perde, riflette. Sull’atto della restituzione del vuoto, in conseguenza del pieno ricevuto. Sulla vacanteria come precondizione alla piena, lei che espone il narcisismo all’iperbole del vuoto.

LICENZA DEL CLASSICO – Angelo Rendo

A giugno sono venticinque, gli anni. Li compiamo in quindici, dei sedici che eravamo. Più di un quarto di vita passato, dopo il primo lento e senza luna. Di noi, uno solo è scomparso sul limitare del primo. Due i quarti compiuti; ora a metà.

Così, nel gruppo appena creato, i più, afferrati all’emoticon, si portano la mano vergognosa al viso, alcuni inneggiano alla Madonna, altri si fanno il segno della croce. C’è chi rimane senza parole, istupidito, e chi, dopo un’impennata di scetticismo, entra nel gregge, dal quale mai si esce.

IL COZZO – Angelo Rendo

Nun ti fari battiri u cuozzu. U pani nun m’u manciu rô cuozzu.

Queste due belle espressioni del siciliano – al quale mi appello nei ritagli di tempo, dato che ogni tempo è un ritaglio, e di ritaglio in ritaglio si fa una vita – onorano il cozzo.

A Scicli, e altrove, fra l’altro, Cozzo è un toponimo – teniamo ad esempio a un Cozzo Pilato, il cui significato balla, come una scorciatadicollo, fra collo e occipizio – e si mostra sempre pelato, brullo, calvo: da qualsiasi parte lo si guardi non ha una faccia, questa collinetta, e il resto del suo corpo è sprofondato nell’argilla.

È una parte delicata ed esposta, inviolabile, il cozzo. Sede di virtù avite, è un’altra faccia, ombrosa, imperscrutabile, intima e, al tempo stesso, senza occhi, nuda.

Dal cozzo non si mangia, e credere di poterla dare a bere alle spalle è un difetto: una turpe feritoia dell’anima che, celebrandosi, s’annienta.