IL FUOCO DELLA DISCRIMINAZIONE – Angelo Rendo

Dalla cultura, dall’intelletto a vista, dalle grandi letture, o dallo studio, e dalla curiosità redenta promanano il fetido, il carcere, il compartimento, la classe. Un sistema. Chiaro e tondo.
Come un anatema o un’invettiva cade, e salta i fossi, limita le frequenze, così abbassa gli occhi pieni di protervia chi è seduto bene e se ne vanta, mentre il fuoco della discriminazione a lui concede non più di due secondi prima di condurlo via.

Di fronte alla morte non vi è corpo che possa sparire o anima fatta di vento che possa farsi turbine e incenerire gli intelletti che parlano tramite la consueta bocca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...