Galateo – Angelo Rendo

Ma non è giusto nemmeno che le parole ci possiedano, che ci raggiungano. O che rimaniamo in una zona limbica, fra la presenza e l’assenza, prede scordatesi del regime gonfio della vita.

Che uno è tanto prudente da salire i gradini con circospezione, temendo di pestare una lepisma saccarina, una tarma o una formica, un ragno, e invece succede che t’arriva a piedi uniti un fantasma alle spalle sulle caviglie; e ti sposta il sentimento, la saggia visione per cui nel mondo dell’arte l’irruenza, la nullafacenza debbano essere bandite. Nondimeno, non bisogna credere che, lavorando con arte, si possano raggiungere alte sollevazioni di ingegno o dipartite di prudenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...