Il cacò – Angelo Rendo

Ahi cacò! Taliellu a ‘ssu cacò. Ma sî ‘ncacò.

Non una ingiuria, ma una pietosa mano, che dagli occhi inebetiti scivola sul cuore, accompagna quelle frasi senza speranza. Chi se le lascia sfuggire è in preda all’incredulità. E pena per l’inettitudine o per la viltà o per la candida manchevolezza del cacò. Quel kakós greco rimasto impigliato in vita, autonomo e non prefisso come nell’italiano. Non un malvagio in senso stretto ma uno smerdatissimo cagone, un debole, caduto nelle grinfie di una donna avvenente e manipolatrice e senza cuore e cervello. Che cacò, diciamo. Qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...