LA DELICATEZZA – Angelo Rendo

Non è chiaro se la delicatezza il più delle volte finisca per ritorcersi contro chi la pratica; o, forse, dubbio non può esservene: scrivere “non è chiaro” è solo un mezzo ipocrita per perderla, la delicatezza.
Del resto non si parla, mentre siamo tutti legati, attratti gli uni dagli altri, e, allorché l’uno diventa ributtante per l’altro, ecco passare ai mici, o ai cani, che è un diverso modo per scatafotterla, la delicatezza, nelle proprie intenzioni; invece, ogni freno s’è perso e, miti, animali tra animali, ci si annusa.
Così, poco fa, con un’anziana signora: io le dicevo del mio cane, lei del suo, un volpino, al quale mattino e mezzogiorno serve il caffè – e come lo reclama, dopo pranzo, quando inizia a spandersi l’aroma per tutta casa, avvicina la zampetta alla tazzina e batte.
È chiaro: bisogna disporsi all’ascolto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...