Per un gruppo Whatsapp – Angelo Rendo

Cerchiamo di agguantare le forme morenti, ché l’immanenza preme meno sulle mammelle della storia.

Per dove entra quel soffio divide la testa in due parti: la prima nega, la seconda afferma di non negare la terza nascitura.

Non c’è una dimensione capace di garantire una incorruttibile modernità a una forma piena, eccetto che l’urto del silenzio che bracca la parola.

La letterarietà che attraversa un gruppo Whatsapp dimostra che l’attenzione si guadagna per stanchezza e che lo stitico dura il tempo aperto della festa. Alla teoria si concede la fossa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...