Libri – Angelo Rendo

Quando mi trovo a osservare i libri della mia libreria, non immagino mai di vedere, mi piace stare a guardarli da lontano, sentirne tutto il peso e grandezza, leggerne i bei titoli, e dirmi vedi un po’. E anche se su una fila è appoggiata una giacca a vento blu mal raggomitolata e mezza pendente da molti mesi e sparsa sugli altri ripiani c’è molta polvere, nell’unica colonna, qui, nel gabbiotto di cemento armato, e anche se la visione non è proprio libera per chi sta di fronte a causa di due estintori rossi che murano un ripiano e mezzo, sono libri. Un sovrappiù dell’umanità ficcato in un sac à poche sfuggito di mano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...