Appunti dal buon senso senza senso (42) – Angelo Rendo

Un cervello che pompa e allarga gli interstizi tutto intorno, di quell’uccello bilingue parlo. Esso si fa largo con gomiti e ali, ride, levita e s’alza dritto senza darlo a vedere, sposta le sedie.

Eccolo sulla cima del pino marino, dirimpettaio assolato; dal basso a braccarlo due cacciatrici armate, un cacciatore lo chiama fischiando alla pecoraia, un lieve venticello lo fa dondolare, l’afa lo secca. Sudato, non si preoccupa, tira il fazzoletto e tappa i gangli d’entrata, solo un brusio lo afferra.

Rieccolo allora sospendersi su un ancor più alto pino marino alle mie spalle, all’ombra. Aggrinzendosi rilascia il suo umore più dolce e sieroso, salato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...