L’alimentazione del diritto e riservato

Dallo stretto occhio della finestra, le lame giravano il capo, sulla sedia. Sopra il collo, un sottile dito misurava i denti in fila. La casa illuminata deponeva due uova in un cesto e uno in macchina. Nevicava. La zona dove sorgeva il Bollo era recintata da quindici zampette di mosche, alle quali il guidatore disse: “Staccatevi!”

Ma con poca parsimonia il giorno svettò tra le cime e, posato, fingeva di non vedere la macchina.

O l’essere distrugge l’indistruttibilità, navigando lungo il mare Bollito o la carne compressa tutta nella parola irrealizzata crea il fondale.

E dal parcheggio perché mai non dovresti seguire fino a farti strozzare il giro armonico? Come essere sicuri che qualcuno, levigandoti il cranio, non trapasserà nell’occhio svisto?

Alla marillottesca finascia di lempi fosse rani e volenzine latre e nel minole fretti de la sosca vancia libberità minuna na la fanta lua ca fracisca e la no di nostra zonca zunca lunca di sta funcia o ni la minchia duna crinnica beli.

Me lo dissi, me lo disse lui che avanti si ricomponessero in anfratti, smagati, l’indole grumosa avrebbe preso loro, loro: la più sicura forza del rame rilucente.

A. R., diritto riservato, marzo 2010

Pubblicato su carta a Settembre 2012 in La superpotenza, venti anni di poesie, scritti e traduzioni da G.Cornacchia e A.Rendo, ISBN 9788891027474

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...