AL GELO CHE SI SCALDI – Gianluca D’Andrea legge Salvatore Della Capa

internoesterno1AL GELO CHE SI SCALDI: “Interno, Esterno”, di Salvatore Della Capa, L’arcolaio, Forlì 2008

Il mondo spinge, dalla confusione dei valori, giunge al raccoglimento.

Una poesia percettiva dal chiuso di una posizione per certi versi privilegiata, per altri sgretolata – quando il sentimento etico, inventato e creduto dalla persona-poeta come vera prospettiva e unico percorso, si rivela fragilissimo al cospetto della varietà del mondo, allora la stessa poesia rischia l’urlo dispotico o l’autismo più frustrato. Niente di tutto questo in “Interno, Esterno”, semmai il tentativo, la ricerca vera, ma non affannata per necessità, di un appiglio al reale: Della Capa fa oscillare le sue tematiche tra la percezione minima del mondo (a volte provocata da un fastidio a cui il poeta sembra assuefatto, vedi “Udito I”, p. 20), lo sdegno per il male insito nelle fibre stesse dell’esistenza ed una appartenenza, di là da venire, che sarà agnizione, riconoscimento.

Il verso è libero e colloquiale, breve, ed insieme all’impostazione epigrammatica dei componimenti tradisce una volontà di definizione, un tentativo di giustizia essenziale. Siamo lontani da risentimenti moralistici, il percorso pare spingerci verso una sentenziosità compassionevole che apre al religioso (s’intenda una religiosità laica, l’unica possibile leggendo attentamente il libro).

Ancora è presto per approntare conclusioni, meglio lasciare la parola ai testi, al loro monologare in cerca di dialogo:

***

Udito

I

Neanche stanotte dormi.

Ti tiene sveglio

un ronzio un fischio,

non capisci

ti sei alzato

hai controllato ogni cosa.

Poi ti arrendi e a occhi aperti

arriva il tuo sonno

all’affannare dell’orologio

(p. 20).

***

Oggi la madre porta il figlio in un fazzoletto.

Pezzo per pezzo.

Dorme accanto a lui un sonno di sciacallo.

Gli ricuce il volto per provarne pietà

(p. 36).

***

E sia. Sopra le rocce rimangono i nomi sparsi

i pianti mischiati alla pioggia.

Chi vedrà i tanti sensi dell’acqua

le pozze di urina e sangue?

Chi ascolterà la melodia del dolore?

Niente accade negli occhi magri

niente nei latrati dei cani.

Oh i lamenti ci ricordano

piano, ci dicono

«polvere alla polvere»

(p. 38).

Gianluca D’Andrea

Annunci

6 thoughts on “AL GELO CHE SI SCALDI – Gianluca D’Andrea legge Salvatore Della Capa

  1. Insomma Gian, aspettiamo il Della Capa a prove piu’ mature.

    Pero’ mi piace il tuo modo di indirizzare la lettura, dando a chi guarda le tue note un minimo di orientamento anche poetico. Un modo decoroso e non partigiano, uno spirito di servizio. Bene.

  2. Giusto pep, occorre il trasporto anche nella sobrietà di un lavoro quotidiano, occorre anche, per necessità, un ascolto aperto a tutto ciò che chiede al di là delle preferenze. La vecchia apertura che barbaglia dal massimo della chiusura. Sempre questa è la strada, dagli esordi ricordi?

  3. Ringrazio Gianluca per la recensione. trovo alcuni spunti interessanti. Ho perso però il passaggio sulle prove più mature..ci vorrà ancora un po’, questo libro è appena uscito!
    Grazie mille
    Salvatore

  4. Salvatore, nessun problema e nessun segnale “negativo” (ma neutro come dice Gianluca): a me piace leggere le opere complete dei poeti, come si sono sviluppate nell’intero percorso di vita, cosi’ da farmi un’idea compiuta su poetica e risultati. Capisco bene che nel caso di percorsi all’inizio, cio’ non sia possibile; a questo servono le indicazioni fornite dai lettori aperti alla scoperta e di buona volonta’, come Gianluca. In bocca al lupo, quindi. Giuseppe.

  5. crepi il lupo! e spero che seguiate questo e prossimi (speriamo) altri libri con questo interesse!
    grazie mille
    salvatore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...