Gianluca D’Andrea legge Flavio Santi

CONSTATAZIONE E INESPLICABILITÀ, RINUNCE E DENUNCE MORALI. IL ROMANZO “L’ETERNA NOTTE DEI BOSCONERO”, Flavio Santi, Rizzoli 2006. di Gianluca D’Andrea

Un piccolo libro di demoni, un piccolo pezzo di letteratura da cui s’infiltra, come da una vetratagotica, la luce lunare; testimonianza di un’epoca – la nostra – ammantata da un buio morale ancora inesplicabile. I primi riferimenti, in esergo, delineano le coordinate dell’invenzione narrativa di Santi: ne “I demoni”, subito prima della presentazione della celeberrima lettera a Tichon, Stavrogin provocatoriamente afferma di credere in maniera recisa al demonio, l’incarnazione del male, in tal modo confessando il male che affligge il suo mondo. Si spezza, nel crescendo mirabile di un capitolo ormai leggendario, l’ultimo residuo di un’antica gradazione di valori che guidarono il comportamento umano per secoli e dalla cui ferita slabbrata sgorga la nuova tracotanza, l’ineluttabilità di un’esplosione.

……….continua su http://www.nabanassar.com/constatazione.pdf

Annunci

5 risposte a "Gianluca D’Andrea legge Flavio Santi"

  1. Ho capito poco di questa lettura. Dal poco ho tratto che Santi porterebbe alle ultime conseguenze il postmoderno e aprirebbe prospettive inedite. Bene, vorrei sapere quali le prospettive.

    Inoltre: di questo ballo ricombinatorio, citazionistico e coltissimo – ludo letterario, nato maniera e morto, come a me pare, a me che mai potrei leggere già solo un titolo tale “L’eterna notte dei Bosconero” , si intende – abbiamo bisogno? O forse si raschia il fondo del barile, si va a saturare il saturo?

    Quanto questa scrittura si regge in piedi da sola, mi chiedo?
    E me lo chiedo da non lettore, da subumano annusatore, sia chiaro.

  2. in risposta a un’esigenza morale il libro ha senso, ricorda che a me intertessa l’aspetto filosofico che apra un senso e una rilettura del mondo.da subumano annusatore non puoi comportarti. che senso ha non leggere per un titolo dovresti spiegarlo a me. le prospettive aperte sono un tentativo non modaiolo di interpretare una situazione, ricorda che non si parla di capolavoro bensi’ di un tassello di cambiamento. il cambiamento riguarda la lettura della realta’ che a me preme sia di nuova apertura all’interno di una tradizione, con dei riferimenti e questo nel libro di santi c’e’. continuo a breve che devo spulciarmi

  3. Parli di esigenza morale, ma da dove viene questo libro? Dove è l’autore?
    Certo che vale l’uscita dell’annusatore subumano a questo punto, il paratesto ha voce in capitolo (tra l’altro, il nostro libro è dotato, dimenticavo, pure di una dark-gotic cover patinata e risibile, a dirla tutta, secondo me).

    Riporto dal retrocopertina: “Uno stile che miscela la lingua del Camilleri di “La presa di Macallè” alle strabilianti invenzioni di D’Arrigo[…]”. E certamente strilli simili non depongono a favore di una autorialità; ancora:”la Sicilia raccontata da Goethe è lo specchio della palude italiana contemporanea”. Francamente la più insipida retorica che governa le intelligenze italiche, ancor più noiosa.

    Di “stilosità” ce ne facciamo un baffo. Credo servano “direzioni”, certo esterne a palinsesti letterari, quali quello in questione.

  4. concordo, ma la quarta di copertina si sa, e’ fatta per vendere, io credo che nonostante il tentativo di rendere il prodotto altamente commerciabile ci sia della luce, per vedere questa luce occrre leggere il testo, poi criticabilissima la scelta della copertina e tutto il modo di lanciare il prodotto, questo mi lascia pero’ indifferente. la denuncia morale sorge in dettagli ancora non scoperti ma e’ un buon inizio, ripetoi non di capolavoro e di coraggio si tratta bensi’ di un positivo barlume

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...